Il Focusing nasce dall’intuizione di Eugene Gendlin, filosofo e psicoterapeuta statunitense, negli anni Sessanta/Settanta del secolo scorso.
L’attenzione del Focusing si rivolge all’interno, alla scoperta di quelli che Gendlin ha chiamato “felt sense”, ovvero sensazioni sentite dotate di significato, in relazione a dei vissuti specifici (lavoro, relazioni, famiglia…)
Accogliendole, imparando a stare con loro senza giudizio e in totale presenza, queste sensazioni si trasformano, fornendoci informazioni essenziali sul momento particolare di vita che stiamo vivendo e aiutandoci a trovare soluzioni creative.

Il focusing può essere imparato per sè stessi e integrato ad altre tecniche o diventare uno

strumento autonomo.
In particolare, il Focusing si abbina efficacemente alla Psicoterapia, al Craniosacrale, all’Osteopatia, al Counseling, alle Artiterapie, a tutti i lavori di consapevolezza corporea e crescita individuale e personale.

PROGRAMMA CORSO FOCUSING IMMAGINALE

4 GIORNATE

 

La storia del Focusing

La filosofia dell’Implicito

Il felt sense e Il felt shift

Fare spazio

Modelli di lavoro: differenza tra Gendlin e Ann Weiser (Inner relationship Focusing)

Il processo: cosa accade durante una focalizzazione

I 6 passi fondamentali

Nel mondo del Sè

Il Sè in presenza

La disidentificazione

Avere fiducia nel movimento interiore

Sono previste esercitazioni di consapevolezza corporea che provengono da altre discipline contemplative e meditative. 

Pratiche immaginali

Verrà rilasciato un ATTESTATO DI FREQUENZA a fine corso

logo ENSO.JPG
CANALI SOCIAL
  • Facebook Social Icon
  • Instagram Social Icon
1B - LOGO socio-istruttore2020.jpg

© 2020 Cristina Ferina  - Bodytelling e Bodywork, ricevo a Torino e Castellamonte (TO)